BMè@6(\<  †~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†~y†